Cordino di posizionamento: il Druid Lanyard di C.A.M.P.

Sommario

Il cordino di posizionamento, o anche cordino regolabile, è un dispositivo utile per tenere una posizione stabile e sicura consentendo di avere le mani libere per lavorare con gli attrezzi.
A questo proposito il Druid Lanyard di C.A.M.P. rappresenta una novità eccezionale nel campo della sicurezza, distinguendosi per caratteristiche uniche. Pur condividendo il nome con il precedente best-seller di C.A.M.P., questa versione è stata completamente rivisitata e presentata all’evento A+A 2023.
Questo dispositivo ha ottenuto numerose certificazioni, attestando la sua affidabilità e versatilità: EN358, EN353-2, EN12841/C, EN795/B, EN795/C e EN341/2A.

La progettazione del nuovo Druid Lanyard si è basata sul Druid Pro Fire, sviluppato per i Vigili del Fuoco seguendo specifiche tecniche molto esigenti.

Questo dispositivo, descritto dettagliatamente nel nostro articolo dedicato all’Imbracatura di sicurezza per i VVF, è certificato per diverse funzioni: come cordino di posizionamento e come discensore e dispositivo anticaduta, resistendo a temperature estreme. I Vigili del Fuoco lo hanno in dotazione nel loro Kit Sacco Tetto.
Partendo dalla base del Druid Pro Fire, il reparto di Ricerca & Sviluppo di C.A.M.P. ha sviluppato il nuovo Druid Lanyard, introducendo una fune semistatica non aramidica per renderlo adatto a un’ampia gamma di lavoratori quotidiani in attività in quota.

Disponibile con fune da 11 mm in misure da 2 mt con connettori, 2 mt senza connettori, 3 mt., 5 mt, 10 mt e 20 mt.

Offre anche la possibilità di personalizzazioni fino a 100 metri, mantenendo le certificazioni (ad eccezione della EN795C, valida fino a 20 mt). Il meccanismo principale è una rivisitazione del discensore Druid ed è progettato per persone fino a 150 Kg. Rappresenta l’unico dispositivo al mondo che unisce la funzione anticaduta a quella di discensore, offrendo benefici significativi tanto nella routine quotidiana quanto in operazioni di soccorso.

Caratteristiche tecniche del cordino di posizionamento Druid Lanyard

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P.:

EN 358: Dispositivo regolabile di trattenuta e posizionamento sul lavoro

Questo standard certifica il Druid Lanyard come dispositivo di posizionamento e trattenuta sul lavoro, utilizzabile collegandolo ai punti laterali di un imbraco certificato EN358 o ventrale di un imbraco certificato EN 813.

Esempio di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 358
centrale
Esempio di utilizzo del Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 358
laterale

EN 341/2A: Dispositivo certificato come equipaggiamento di salvataggio ed evacuazione

Certifica il dispositivo per operazioni di salvataggio ed evacuazione, sia in autosalvataggio che per il salvataggio di altri operatori. La classe 2A indica che richiede azione manuale da parte di un operatore ed è testato per le condizioni più severe previste dalla norma.

Esempio di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 341

EN 12841/C: Discensore su linea di lavoro

Definisce il cordino di posizionamento Druid Lanyard come discensore su linea di lavoro, necessitando una seconda linea di sicurezza certificata secondo la norma 12841/A per l’uso sicuro. È il classico utilizzo di un lavoro su fune, dove di usa una fune di lavoro e una di sicurezza. Sulla fune di lavoro si utilizza un anticaduta EN12841/A, sulla fune di sicurezza un discensore EN12841/C.

Esempio di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 12841

EN 795/B: ancoraggio provvisorio

Il dispositivo può essere usato come ancoraggio provvisorio su strutture verificate e prive di elementi dannosi. È essenziale collegare i moschettoni alle estremità al sistema anticaduta senza utilizzarlo a strozzo.

Esempio di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 795/B
corretto
Esempio di utilizzo del Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 795/B
strozzo

EN 795/C Utilizzo come linea vita temporanea

Permette l’uso del cordino di posizionamento Druid Lanyard come linea vita temporanea, connettendolo tra due punti certificati EN 795/A. Questo uso prevede una lunghezza massima di 20 metri e l’utilizzo da parte di un solo individuo per volta.
Non può essere utilizzata con dispositivi retrattili. Infatti, l’operatore può collegare il proprio sistema anticaduta con un moschettone o con una carrucola per avere uno scorrimento migliore sulla fune. Per questo utilizzo, come per tutti gli altri, è bene consultare prima il manuale per conoscere il tirante d’aria e gli eventuali limiti di utilizzo.

Esempio di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 795/C

EN 353-2 dispositivo anticaduta guidato su corda

Questa certificazione lo rende un dispositivo anticaduta guidato su corda. Per il suo utilizzo come tale, deve essere collegato a un punto di attacco EN 361 dell’imbragatura, preferibilmente all’attacco sternale, senza necessità di collegare un dissipatore di energia, poiché il dispositivo è testato per dissipare l’energia di caduta entro i limiti sicuri dei 6 KN.
Bisogna naturalmente tenere conto del tirante d’aria, i cui valori sono presenti sul manuale del dispositivo. Da utilizzarsi in fattore superiore a 1.

Esempi di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard

Cordino di posizionamento per auto evacuazione

A differenza di altri dispositivi anticaduta, il cordino di posizionamento Druid Lanyard permette all’operatore, se cosciente e con sufficiente corda, di effettuare autonomamente una manovra di autosoccorso, in linea con la normativa EN 341.
Questa manovra sarebbe attuabile sia da un operatore che deve evacuare da una situazione di pericolo, sia da un lavoratore caduto nel vuoto: in questo caso non dovrebbe attendere il soccorso da parte di un collega, ma potrebbe portarsi in salvo da solo, diminuendo il rischio per sé stesso e per i colleghi.

Esempio di utilizzo del cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. certificato EN 341

Cordino di posizionamento per lavoro su piani inclinati

Spesso si osservano operatori su superfici inclinate che usano un semplice cordino di posizionamento, credendo di non necessitare di sistemi anticaduta. La motivazione è che un sistema di posizionamento, potendo l’operatore agire sulla leva, permette una progressione migliore soprattutto dove l’inclinazione è molto accentuata.
Tuttavia, su piani dove esiste rischio di caduta, l’uso di un dispositivo anticaduta è consigliato. Grazie al Druid Lanyard, che funziona come discensore, ma con certificazione anticaduta, si migliora la progressione su tali superfici.

Utilizzo del Druyd di C.A.M.P. su un piano inclinato

Conclusioni

Il cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. emerge così come uno strumento fondamentale per la sicurezza dei lavoratori in quota, offrendo una soluzione innovativa che coniuga flessibilità, sicurezza e conformità alle normative vigenti.

Per saperne di più sul cordino di posizionamento Druid Lanyard di C.A.M.P. Contattami.

Lascia un commento

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Cookie e Privacy Policy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su "rifiuta" o la "X" (chiudi) si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su "personalizza" è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.